Mercato coperto bloccato dalle norme del Patto di stabilità Apertura slittata a metà anno

altLa struttura di via Mentana

Quando non è il Comune a combinare pasticci sui cantieri pubblici, ci si mettono i lacciuoli della burocrazia. Nel caso del Mercato coperto di via Mentana, per esempio, i lavori di radicale riqualificazione della struttura non sono stati bloccati dal “classico” imprevisto ma da un fiume di carta. Per essere più chiari, dalle norme-tagliola del cosiddetto Patto di stabilità, il cervellotico meccanismo che – al fine di stabilire un rapporto virtuoso tra entrate e uscite pubbliche – fa scattare

automaticamente il blocco delle spese per investimenti nei Comuni.
I lavori in via Mentana – dove si sta lavorando per rimettere a nuovo il padiglione dei grossisti – sono finiti in questo tunnel. Quindi l’intervento – iniziato nel giugno del 2009 e con fine ipotizzata per lo scorso mese di ottobre – è per ora sospeso, in attesa di riprendere per il rush finale. Ne consegue che – al netto di un ritardo di almeno 3 mesi già accumulato – la consegna dei nuovi locali potrà avvenire entro metà anno.

Nella foto:
La facciata principale del Mercato coperto di Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.