Migranti, Iantorno: «Parole di Salvini simili a quelle di Hitler». Il ministro: «Roba da matti, si vergogni»

La foto di Marcello Iantorno pubblicata da Salvini su Fb
La foto di Marcello Iantorno pubblicata da Salvini su Fb
La foto di Marcello Iantorno pubblicata da Salvini su Fb

Il paragone è forte, di quelli che fanno rabbrividire. Tant’è, la polemica via social tra Pd e Lega passa anche da Como dove l’avvocato e esponente del Pd, Marcello Iantorno ha diffuso una mail che non lascia spazio a interpretazioni e che si può ben sintetizzare nel passaggio cruciale in cui recita «le parole di Salvini sono simili a quelle di Hitler».
Pronta, ieri mattina, la risposta del ministro dell’Interno su Fb. «Gli insulti della sinistra sono medaglie». Ma ecco la genesi di questo scontro al vetriolo. Questo il testo della missiva a firma Iantorno. «La frase pronunciata dal leader della Lega e Ministro dell’Interno Matteo Salvini “basta migranti a spasso per le città italiane” è simile a una di Hitler – scrive Iantorno – “l’ebreo deve levar le tende dall’Europa”, si legge nel libro “Conversazioni a tavola”, che riporta le annotazioni del gerarca Martin Bormann, pronunciata il 25 gennaio 1942 a cui seguirono dapprima i ghetti in varie città europee e poi i noti campi di concentramento. Salvini peraltro, come si legge nel contratto di governo firmato con Di Maio, ha anche previsto la collocazione di circa 25 mila immigrati irregolari in campi chiusi per Regione con spiccate somiglianze con il trattamento dei nazisti verso gli ebrei. Se ciò dovesse accadere tutti coloro i quali hanno a cuore i diritti umani dovranno reagire con ogni mezzo legale, nessuno escluso». In questi giorni Salvini è investito da migliaia di commenti, positivi e negativi. In questo oceano di opinioni, le parole di Iantorno non sono passate inosservate. Salvini ha pubblicato sul suo profilo ufficiale Facebook – seguito da quasi 2 milioni e mezzo di persone – una foto di Iantorno, con una didascalia molto concisa.
«Roba da matti! – dice, riferendosi alle parole di Iantorno – Si vergogni. Io non mollo, gli insulti della sinistra sono medaglie».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.