Migranti: Presidente Croce rossa-Mezzaluna, sgomberare Moria

'Condizioni disumane già prima dell'incendio'

(ANSA) – ROMA, 11 SET – Tutti i migranti presenti a Moria devono essere trasferiti immediatamente in un luogo sicuro dopo l’incendio che ha devastato il campo nella notte tra martedì e mercoledì. Lo ha detto oggi Francesco Rocca, presidente della Federazione delle società della Croce rossa e Mezzaluna rossa. Rocca ricorda che 13.000 persone mancano di cibo, acqua e alloggio dopo il devastante incendio, scoppiato quando il campo era in lockdown a causa di oltre 30 casi di Covid19. "Il campo di Moria – afferma Rocca – era già inadatto per ospitare esseri umani prima dell’incendio, a causa della presenza di un numero di persone quattro volte superiore a quello per il quale era stato costruito. La situazione è estremamente insalubre per l’impossibilità di un distanziamento fisico per prevenire la diffusione di Covid19. Ora è il momento di mostrare un po’ di umanità e spostare queste persone in un luogo salubre, sicuro e umano. Ci sono 4.000 bambini a Moria, e nessun bambino dovrebbe sopportare tutto questo". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.