Mister Banchini dopo la vittoria all’esordio: «Un Como con personalità e organizzazione»
Sport

Mister Banchini dopo la vittoria all’esordio: «Un Como con personalità e organizzazione»

«Volevo una squadra aggressiva e organizzata. I riscontri, in questo primo turno, sono stati positivi». Marco Banchini, allenatore del Como, non nasconde la sua soddisfazione. All’esordio in serie D i lariani si sono infatti imposti per 3-0 in trasferta sul campo dell’Ambrosiana, in Valpolicella. Una vittoria che regala agli azzurri il primo posto parziale in classifica assieme a Mantova, Caronnese, Caravaggio, Scanzorosciate, Villa d’Almè.

Domenica, nel secondo turno, i lariani attendono i bergamaschi dello Scanzorosciate allo stadio Sinigaglia. «Cosa ho apprezzato di più con l’Ambrosiana? La personalità della mia squadra – aggiunge Banchini – contro un avversario determinato, che finora aveva messo in difficoltà tutti i suoi interlocutori. Hanno fatto bene sia i giocatori entrati in campo dal primo minuto, sia chi è stato inserito nel corso della partita».

Non manca, ovviamente, qualcosa da rivedere: «C’è qualche meccanismo difensivo da sistemare – spiega ancora il tecnico del Como – E poi dobbiamo stare più attenti a non subire ripartenze: ricordo sempre che devono essere gli attaccanti i primi a dover difendere. Ma, come ho detto inizialmente, ai miei avevo chiedo aggressività e organizzazione: si sono viste». Un Como che è stato seguito da 200 tifosi che dal primo all’ultimo minuto hanno supportato la squadra. «Già prima dell’inizio – sottolinea il tecnico – l’urlo “Forza Como” si sentiva in tutta la valle. I nostri tifosi sono stati fantastici. Ho già detto in passato che mi dispiace per la situazione che si è creata: ma ora sta a noi convincere la piazza a suon di risultati».

Tornando alla gara, Banchini ha visto di buon occhio la prestazione di due giovani cresciuti nel vivaio azzurro, che sono stati schierati in una posizione differente rispetto al passato. «Pietro Fusi, da attaccante a quinto di centrocampo ha risposto bene. Prestazione positiva anche per Manuel Cicconi, che invece è stato schierato più avanti: ha anche segnato il secondo gol». Un Como che però necessita di qualche ritocco sul mercato. «Lo sappiamo, ma non mi soffermerei più di tanto su questo discorso – conclude l’allenatore della squadra lariana – La società è al lavoro, non siamo completi, ma questa non è una scusa: dobbiamo fare di tutto per essere competitivi e creare quell’organizzazione che poi consentirà a chi arriverà più avanti di inserirsi al meglio in meccanismi già funzionanti. È necessaria l’ambizione di costruire qualcosa di importante per raggiungere l’obiettivo che ci siamo posti, la promozione in serie C».

19 settembre 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto