Mister Colella. Il picconatore

altLo sfogo dopo Como-Real. «Magari qualcuno pensa che pettiniamo le bambole»
(m.mos,) Le sue conferenze stampa sono attese perché mister Giovanni Colella fa parte di quel gruppo di allenatori che regalano qualche sorpresa anche in situazioni tutto sommato tranquille.
In vista di questa stagione il tecnico si era ripromesso di non esternare più di tanto, ma dopo l’1-1 interno con il Real Vicenza non sono mancate le sue “picconate”.

Quelle che poi fanno discutere i tifosi che, come è noto, con Colella non sono mai stati troppo teneri. E anche l’ultima frase del mister – proprio dopo Como-Real Vicenza – non è passata inosservata.
Una conferenza stampa, quella del post-gara, partita tranquillamente, anche se si era capito che il tecnico aveva qualche sassolino da togliersi.
Subito una stoccata ai giornalisti: «Perché – ha detto – fate passare il messaggio che le squadre dai nomi non altisonanti siano squadre di m….».
Il riferimento era al fatto che secondo il tecnico non era stato spiegato bene alla vigilia che gli avversari erano forti, anche se si trattava di una formazione neopromossa e sconosciuta ai più.
Poi, nel commentare l’1-1 il tecnico è partito abbastanza tranquillo, spiegando che in fondo il risultato era giusto. Ma con coda finale al vetriolo: «Non pensiate che noi non siamo arrabbiati. E la gente questo lo deve sapere; magari qualcuno pensa che siamo qui a pettinare le bambole; non possiamo essere contenti».
E poi qualche sbottata con i giornalisti rei di «guardare al lato negativo. Abbiamo pareggiato – ha aggiunto – e siamo stati raggiunti sull’1-1 dopo essere stati in vantaggio. Ma perché non sottolineate che questo è il primo gol che subiamo?».
Insomma, il Giovanni Colella che ha ritrovato la sua forma e le cui conferenze sono sempre cliccate su Internet, come accadeva qualche anno fa per Stefano Di Chiara. E sul sito di Etv, è possibile rivedere le sue esternazioni dopo la gara con il Real.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.