di Giorgio Civati, Opinioni & Commenti

Molto attenti ai diritti, pochissimo ai doveri

di Giorgio Civati

La pace fiscale? Un risultato sembra averlo già ottenuto, ed è che sono in molti, in previsione della novità, ad avere quanto meno sospeso i pagamenti. Gira voce, infatti, che una posizione diffusa tra gli italiani sia quella di aspettare sperando in colpi di spugna, agevolazioni, sconti. Una voce che gira nelle chiacchiere al bar o al supermercato ma anche tra gli addetti ai lavori. Qualche dipendente dell’Agenzia delle Entrate, anche a Como, dai contribuenti in fase di trattativa per definire tasse pregresse e mancati pagamenti si è sentito dire più o meno: adesso non pago, magari fra qualche settimana lo Stato mi cancella tutto, o mi chiede al massimo un quarto della cifra.

Il condono dell’attuale governo  – chiediamo scusa, ci dicono che va chiamato pace fiscale ma ci viene difficile… – avrebbe insomma addirittura rallentato le entrate. Esattamente il contrario di quanto Salvini e Di Maio si aspettavano. Tralasciando di valutare l’opportunità o meno di una simile iniziativa, dimenticando per questa volta norme e cavilli, soglie e paletti vari, resta una considerazione che merita di essere fatta. Non su questo o quel governo, ma su di noi. Su quelle chiacchiere magari da bar che però nascondono, anzi evidenziano, un atteggiamento tutto furbesco, una coscienza sociale pari a zero, un modo di intendere lo Stato sempre e comunque come “altro”, da fregare se possibile.

Siamo, mediamente, attentissimi ai nostri diritti e poco o niente ai doveri. Siamo pronti a chiedere, spesso a pretendere, qualche volta magari anche a scambiare un voto con una agevolazione qualunque. Se è vero, e ci pare probabile, verosimile, che al solo annuncio di una qualche forma di condono parecchi si autosospendono tasse e tributi in attesa di offerte speciali, sconti e ribassi, allora non è solo una certa classe politica che non va. Non è solo il fisco esoso e contorto a non funzionare. Siamo anche noi, se non tutti una buona parte di noi.

Sarà una storia di dominazioni straniere e un’unità d’Italia tutto sommato recente. Sarà che questo nostro Stato come contribuenti ci ha spremuto, gabbato, sfruttato in cambio di servizi spesso schifosetti. Sarà tutto questo e molto altro ancora, ma un popolo senza coscienza civile, senza senso di appartenenza e di responsabilità, va poco lontano. Le critiche al sistema restano tutte valide: la burocrazia strangola, le tasse sono esagerate, lo Stato fa acqua da tutte le parti. Eppure, a fronte di questa situazione, un po’ di colpa è anche nostra.

Si dice che i governanti siano l’espressione del popolo che li ha votati. Beh, forse se nella storia della Repubblica abbiamo avuto pochi statisti e tanti politicanti, qualche colpa è di chi, tra noi, di fronte a un regalino sbandierato sotto il naso – oggi il condono, ieri magari l’assunzione in qualche ente pubblico – dimentica doveri e responsabilità e passa all’incasso.

22 ottobre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto