Morta dopo la caduta in bici: «Giusto che il Sant’Anna risarcisca i parenti»
Cronaca

Morta dopo la caduta in bici: «Giusto che il Sant’Anna risarcisca i parenti»

L'ospedale Sant'Anna di San Fermo
L’ospedale Sant’Anna di San Fermo

Sentenza confermata anche in Appello. Il procedimento civile nato da un drammatico fatto di cronaca del 2009, si è concluso davanti ai giudici di secondo grado che hanno respinto il ricorso dell’ospedale Sant’Anna che era stato condannato a pagare 500 mila euro per il decesso di una paziente in seguito ad una embolia.

La vittima, una signora di 61 anni di San Fermo, mentre era in vacanza a Favignana cadde in bicicletta. Era il settembre del 2009. Fu ricoverata e operata per una frattura a un braccio in due ospedali diversi, a Trapani e al Sant’Anna. Sulla vicenda era anche stato aperto un fascicolo penale per omicidio colposo, ma per i medici iscritti nel registro degli indagati fu chiesta l’archiviazione.

Ma la parola fine non fu scritta quel giorno. Perché i parenti della vittima, proseguirono la battaglia in sede civile chiamando in causa il Sant’Anna. E il giudice di Como Barbara Cao gli diede ragione, condannando l’Azienda ospedaliera al risarcimento del danno quantificato in circa mezzo milione di euro, 170 mila euro al marito della signora, 163.990 a testa ai due figli.

Sentenza che è stata impugnata di fronte all’Appello di Milano che tuttavia ha dato ragione nuovamente ai famigliari della vittima. Secondo i magistrati meneghini i rilievi mossi dall’ospedale non terrebbero in considerazioni quelle che erano state le consulenze medico legali svolte nel processo penale.

M.Pv.

6 luglio 2018

Info Autore

Mauro

Mauro Peverelli mpeverelli@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto