Morto dopo la caduta nel vuoto: c’è un indagato

Il tribunale di Como

Svolta a sorpresa nell’indagine per la morte di un 25enne di Porlezza, precipitato nel vuoto da un’altezza di circa sei metri e ritrovato (semicoperto dalla neve) nel giardino di una proprietà privata di Bene Lario.
Un 32enne turco residente a Porlezza è stato iscritto sul registro degli indagati con l’accusa di «morte come conseguenza di altro delitto». In pratica, secondo la Procura (pm Antonio Nalesso) che non ha mai smesso di indagare su quella tragedia che risale ai primi di marzo, la caduta nel vuoto e il successivo decesso sarebbero derivati dallo stato euforico successivo all’assunzione di cocaina. Eccitazione che avrebbe alterato la percezione della realtà portando il giovane ad una sottovalutazione dei pericoli. Compreso lo sporgersi troppo dalla balaustra da cui poi cadde nel vuoto. Secondo la ricostruzione, insomma, sarebbe stato il turco a cedere al 25enne la sostanza stupefacente (in due occasioni nella stessa serata dell’1 marzo), da qui la contestazione di aver cagionato la morte senza volerlo ma come conseguenza di un altro reato.
In una perquisizione domiciliare che risale ai giorni successivi all’accaduto – il 7 marzo – i carabinieri trovarono poi un altro mezzo chilo di polvere bianca. Il pm nelle scorse ore ha chiuso il fascicolo notificando l’avviso di conclusione delle indagini.
Il 32enne turco, assistito dall’avvocato Emanuele Rosapinta, avrà ora tre settimane di tempo per valutare le proprie mosse, tra cui l’eventuale interrogatorio. Nelle ore immediatamente successive al ritrovamento del corpo, erano stati sentiti gli amici del ragazzo che avevano trascorso con lui la serata prima che si allontanasse. La tragedia sarebbe infatti avvenuta lontano da tutti. A lanciare l’allarme, il giorno dopo, erano stati i proprietari del terreno che avevano trovato il giovane semicoperto dalla neve.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.