Mostra fotografica, Bulgorello riscopre le proprie radici

la battitura del grano a Bulgorello in una foto d'epoca

Con il patrocinio del Comune e della Pro loco di Cadorago, organizzata dal Comitato eventi di Bulgorello (C.E.B.), nelle giornate del 28 e 29 settembre e 5 e 6 ottobre prossimi (ore 10 – 20, ingresso libero) verrà ospitata presso il Centro Civico di Bulgorello ( Via Como), la mostra fotografica “Come eravamo, luoghi,vita, persone” corredata dalla presentazione di arredi e dalla ricostruzione di una cucina d’epoca.

Il manifesto d’apertura avverte che, più realisticamente rispetto all’immagine letteraria ottocentesca di “un borgo su ubertose colline ricche di vigneti”, la rassegna intende, attraverso una numerosa e selezionata raccolta di immagini figurative, documenti, oggetti, ricostruzioni, offrire uno spaccato della vita, dei luoghi, dei personaggi dalle soglie dell’Ottocento alla metà del secolo scorso.

Immagini, condivisibili da tanti paesi circostanti, che offrono il senso di una semplicità vissuta secondo i ritmi della natura, di operosità tenace per quanto faticosa, di pudore e riserbo, di profondo senso religioso, della realtà di una economia che nulla sciupava perché vissuta nella indispensabilità dell’essenziale.

Così è possibile, lungo un razionale percorso espositivo, rivivere l’originaria struttura delle corti sulle quali gravava la vita familiare e parte dell’attività contadina, rivisitare chiese e cappelle storiche, le vecchie strade, l’antica villa rustica padronale, il vecchio lavatoio, la cooperativa agricola luogo abituale anche per il bere e il gioco degli uomini, le istituzioni perdute, la devozione popolare, le prime vivaci campagne elettorali, l’affermarsi delle passioni sportive, il progressivo sopravvento della meccanizzazione e del lavoro nelle aziende. Un posto particolare ha la ricostruzione materiale di una cucina con arredi e stoviglie.

La rassegna sarà integrata alle ore 21 di sabato 28 settembre da un concerto di canti popolari e del lavoro a cura del coro “Amici della Musica”.Ingresso libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.