Mottarone, pm: freno manomesso per evitare blocco funivia

La procuratrice di Verbania: sviluppo molto grave e inquietante

(ANSA) – STRESA (VERBANIA), 26 MAG – L’analisi dei reperti ha permesso agli inquirenti di accertare che "la cabina precipitata presentava il sistema di emergenza dei freni manomesso", ha spiegato il procuratore di Verbania, Olimpia Bossi, in merito all’inchiesta sull’incidente della funivia del Mottarone nel quale sono morte 14 persone. Secondo la Bossi il ‘forchettone’, ovvero il divaricatore che tiene distanti le ganasce dei freni che dovrebbero bloccare il cavo portante in caso di rottura del cavo trainane, non è stato rimosso per "evitare disservizi e blocchi della funivia. Il sistema presentava delle anomalie e avrebbe necessitato un intervento più radicale con un blocco se non prolungato consistente". Uno "sviluppo consequenziale, molto grave e inquietante, agli accertamenti che abbiamo svolto", ha aggiunto il procuratore uscendo dalla caserma dei carabinieri di Stresa, dove dal pomeriggio di ieri si sono svolti gli interrogatori. La procura si riserva ora "di valutare eventuali posizioni di altre persone". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.