Mottarone: pm ‘incidente probatorio pregiudica indagini’

Magistrati chiedono inammissibilità o rigetto. Nuovo sopralluogo

(ANSA) – MILANO, 07 GIU – L’incidente probatorio, qualora dovesse essere effettuato, "pregiudicherebbe in modo irreversibile lo svolgimento delle attività di indagine" volte a individuare eventuali corresponsabili per la tragedia della funivia del Mottarone. Lo scrivono il procuratore di Verbania, Olimpia Bossi, e il pm Laura Carrera, nelle deduzioni depositate al gip Donatella Banci Buonamici. I magistrati chiedono l’inammissibilità o il rigetto della richiesta avanzata dalla difesa del caposervizio della funivia Gabriele Tadini, l’avvocato Marcello Perillo, sulla quale il gip dovrebbe decidere entro oggi. E’ finalizzato a programmare la rimozione in sicurezza della cabina precipitata, intanto, il sopralluogo del consulente tecnico della Procura di Verbania, professor Giorgio Chiandussi, sul luogo dell’incidente in cui sono morte quattordici persone. In programma nelle prossime ore, è prevista anche la presenza del comandante dei vigili del fuoco di Verbania, Doriano Minisini. La rimozione della cabina è "una operazione di notevole complessità, tenuto conto del luogo in cui si trova la cabina, una area impervia non raggiungibile con mezzi di terra, e della sua mole", spiegano il procuratore di Verbania, Olimpia Bossi, e il pm Laura Carrera, nelle deduzioni con cui chiedono al gip, Donatella Banci Buonamici, di rigettare la richiesta di incidente probatorio avanzata dalla difesa del caposervizio della funivia, Gabriele Tadini, uno dei tre indagati per l’incidente. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.