Multe fino a ieri, oggi solo posti blu. Cresce la protesta in via Dottesio

alt

I problemi della sosta
I commercianti contestano la cancellazione di tutti gli spazi gratuiti

Strisce blu anche in curva, in un tratto in cui fino a pochi giorni fa fioccavano le multe per divieto di sosta e parcheggio in zona pericolosa.
Commercianti e frequentatori di via Dottesio non ci stanno e protestano per i nuovi parcheggi a pagamento, istituiti nell’ambito del nuovo piano per la sosta.
Gli stalli a pagamento occupano ormai l’intera via. Luigi Pellizzari si ferma con la bicicletta sulla curva, accanto a un’auto parcheggiata regolarmente in

uno stallo blu appena pitturato.
«Solo pochi giorni fa qui ho preso l’ennesima multa – dice – Mi ero fermato per un caffè e sono stato sanzionato. In questo tratto non c’erano le strisce bianche, la sosta era vietata perché in curva, in un tratto pericoloso. O la sosta era possibile anche prima, quando era gratuita, oppure deve essere vietata anche ora che è a pagamento».
L’invasione delle strisce blu, secondo i commercianti, non lascia più spazio neppure a moto e biciclette. «Non c’è più lo spazio per fermarsi neppure per bici e moto – dice Antonella Betteto, titolare del “Paradiso del celiaco” – Senza contare la difficoltà per i mezzi che ci consegnano la merce. La tariffa di un euro all’ora per la sosta poi mi sembra davvero eccessiva. Ho il timore di perdere i clienti. Sono tempi difficili, ci vorrebbe un po’ più di attenzione alle esigenze dei cittadini».
«I clienti già si lamentano per la scarsità di parcheggi, ora dovranno anche pagare un euro l’ora: la situazione non è affatto bella – dice Giuseppe Citriniti, titolare del “Match Point” – Era necessario lasciare qualche spazio gratuito con il disco orario, facendo però reali controlli. Qui invece abbiamo difficoltà anche a scaricare in negozio. Nell’ultimo mese ho preso tre multe sostando pochi minuti per portare la merce».
Per l’amministrazione comunale però è tutto regolare. «I responsabili del settore mobilità hanno fatto i necessari sopralluoghi sul posto e hanno verificato che non c’è alcuna pericolosità legata alla sosta – dice l’assessore alla Mobilità di Palazzo Cernezzi, Daniela Gerosa – La visibilità è sufficiente, non ci sono incroci particolari e le auto ferme non creano alcun pericolo».
Fino a pochi giorni fa però, le auto in sosta venivano multate. «Quando la sosta non è regolamentata in alcun modo – spiega ancora Daniela Gerosa – vige quanto previsto dal Codice della Strada, che genericamente vieta la sosta in curva. Per questo le auto potevano essere sanzionate. Nel momento in cui abbiamo istituito i parcheggi a pagamento, abbiamo verificato e accertato che la sosta è possibile».

Anna Campaniello

Nella foto:
Luigi Pellizzari mostra il punto in cui era stato multato per divieto di sosta. Ora lì parcheggiare è possibile, ma a pagamento

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.