Musei e mostra sulle monete, riunione Cultura-Lavori pubblici

monete d'oro di como

A metà della prossima settimana i due neoassessori di Como Livia Cioffi, titolare della Cultura e del Turismo, e Pierangelo Gervasoni, dei Lavori pubblici, faranno il punto sugli interventi più urgenti attesi negli spazi museali ed espositivi, da tempo chiusi oltre che per l’emergenza coronavirus anche per aggiornamenti tecnici obbligatori.
Uno dei nodi da sciogliere è la mostra sulle di monete d’oro di epoca romana ritrovate in via Diaz nel cantiere che trasforma l’ex cinema-teatro “Cressoni” in spazio residenziale. In febbraio l’allora assessore a Cultura e Turismo di Como Carola Gentilini aveva siglato l’accordo con la Soprintendenza per l’esposizione: Como potrà esporre in modo permanente cinquanta delle migliaia di monete rinvenute e si prevedeva allora il via entro il 2021 nella ex chiesa delle Orfanelle al Museo Giovio, tuttora chiuso.
Va messa a bilancio una somma importante: la Soprintendenza deve fissare il valore assicurativo che ogni anno il Comune dovrà coprire per le 50 monete e anche l’allestimento sarà a carico di Palazzo Cernezzi. Che dovrà pure coprire un primo lotto di interventi (per 800mila euro) per poter rendere agibile l’area museale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.