Musharraf, contro me vendetta personale

La reazione dell'ex presidente pachistano dopo condanna a morte

(ANSA) – ISLAMABAD, 18 DIC – L’ex presidente del Pakistan, il generale Pervez Musharraf, si è detto convinto che dietro la condanna a morte per alto tradimento emessa ieri da un tribunale di Islamabad nei suoi confronti ci sia "una vendetta personale" e, senza citare i nomi, ha aggiunto che coloro che hanno agito contro di lui "godono di alte posizioni e abusano del loro ufficio". In un video diffuso dal suo partito, Musharraf ha sostenuto che "non ci sono precedenti di simili verdetti in cui né all’accusato né ai suoi avvocati sia stato concesso il permesso di dire qualcosa in propria difesa". Il generale di 76 anni ha anche sottolineato che il tribunale dove si è tenuto il processo a intervalli dal 2014 al 2019 "ha respinto la sua richiesta di registrare una dichiarazione a Dubai, dove vive dal 2016, quando lasciò il Pakistan per ricevere cure mediche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.