Nei dettagli si nasconde il diavolo

Moritz Mantero

di Moritz Mantero

“Per la rana, la bellezza, si identifica nel rospo” e lo stagno circostante, il suo habitat, non lo cambierebbe per tutto l’oro del mondo. L’uomo, invece, ha un diverso concetto della bellezza e dell’ambiente che lo circonda, ambiente che, se non risponde alle sue aspettative, farà di tutto per cambiare.

L’italiano è fortunato, perché è nato in un bel Paese, dove sono presenti beni culturali come in nessun’altra parte al mondo. Anche noi comaschi siamo nati in un angolo d’Italia particolarmente bello, attraente e attrattivo. Un patrimonio ereditato e, salvo alcune eccezioni, rispettato dalle generazioni di umani che l’hanno abitata e governata. Una città dove la Casa del Fascio di Giuseppe Terragni può strizzare l’occhiolino al Duomo di Filippo Juvarra eretto secoli e secoli prima, mantenendo un rispetto nelle forme e nelle tinte, degni della più profonda cultura storica e urbanistica.

Ma non è questo il punto su cui vorrei che la città si focalizzasse. Como ha concorso per ottenere quel riconoscimento di creatività che l’Unesco ha deciso di concedere a Biella, città della lana. Non è soltanto per la, pur signorile, rivalità tessile che ci siamo rimasti male, diciamoci la verità. Il nostro territorio, oltre che per il suo lago, è famoso, nel mondo, per essere stato capace di costruire una credibilità creativa unica al mondo: quella della lavorazione della seta. Generazioni di imprenditori serici hanno rappresentato e rappresentano un riferimento estetico di creatività, bellezza, eleganza che, solo da un equilibrio tra forme e colori, tra strutture tessili e finissaggi, possono derivare. Dove sono finiti questi concetti? Non mi risulta che, questa industria sia defunta. Ne sono una prova le migliaia di famiglie che da questa attività traggono le risorse per vivere e far crescere i propri figli. La città che vanta il più alto numero di studi di disegnatura per tessuti, frequentati da utilizzatori provenienti dai 5 continenti, come si esprime in termini di creatività, se, anche l’Unesco, non ha riconosciuto, nel dossier presentato da Como, un motivo in più di quello dei biellesi, per assegnarci quel riconoscimento?

È giusto e doveroso chiedercelo e trovare risposte per recuperare quelle posizioni che occupavamo. La città è reduce da festività durante le quali, le proiezioni di luce, hanno rappresentato il motivo dominante. Una iniziativa encomiabile, non solo per l’evocazione ad Alessandro Volta, ma per il grande sforzo profuso in termini organizzativi ed economici.

I numeri parlano chiaro: l’evento piace. Grazie, quindi, a chi l’ha ideata e a chi l’ha sostenuta in questi anni. Dunque, possiamo dire che “La Città dei Balocchi” (che nome “inappropriato”, passatemi il termine. Anche Roberto Benigni ci sta ricordando il perché nella bellissima realizzazione collodiana di Matteo Garrone) è l’“evento” di fine anno a Como.

Bene, quale occasione migliore per riprendere ed enfatizzare quei concetti di bellezza ed eleganza che solo da un rispetto rigoroso dell’armonia tra forme e colori possono derivare. Vogliamo tentare di ri-educare al bello? Proviamo a rispettare e a far rispettare il patrimonio esistente, enfatizzandolo con quella competenza estetica che solo una valida direzione artistica può garantire?

La fantasia non può bastare: occorrono altre competenze che sappiano dare all’organizzazione le giuste indicazioni, correlando lo spettacolo con occasioni artistiche e culturali che ne alzino il livello.

L’occasione è propizia per provarci, anche ispirandosi a realtà vicine come Torino o più lontane come Lione, che hanno saputo realizzare, in quegli stessi giorni, manifestazioni con giochi di luce di visibilità internazionale, con presenza significativa di artisti.

Questo nuovo impegno potrà rappresentare, per Como, una piattaforma esperienziale di notevole valenza. Sul nostro territorio esistono competenze di buon livello per contagiare culturalmente: Miniartextil, Streetscape, il Festival della Luce, ne sono un esempio. Ripartiamo dal toro di Christian Balzano e impariamo a guardarlo, oltre che a vederlo.

Non penso che la qualità sia nemica della quantità. Forse è più il caso opposto. La base di partenza esiste ed è potente. Ma sarebbe un peccato disperderla per aver voluto considerare, prioritariamente, i numeri. Questi possono crescere, ma anche decrescere se non si sviluppano iniziative nuove, di qualità, per mantenerli e farli crescere. L’iniziativa comasca è attaccabile da chi ne percepisce i punti di debolezza. E non penso solo al traffico impazzito di quei giorni. Penso, piuttosto all’atmosfera che si può creare o distruggere se non si pone attenzione ai dettagli, dove, notoriamente, si nasconde il diavolo. Non bisogna generalizzare i numeri da capogiro di quelle settimane. Mescolare lo spettacolo con il mercato, ad esempio, rischia di confondere le idee valide dell’intuizione originale. Questo è il mio modesto parere che, attraverso queste riflessioni, vuole contribuire a evitare una nuova “bocciatura” in altre sfide, oltre a quelle già perse dalla città.

*Imprenditore serico

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.