Nessuno vuole l’ostello di Villa Olmo a Como: deserto il quarto bando

ostello villa olmo

Nessuno vuole l’Ostello della Gioventù di Villa Olmo. Sembra incredibile considerato il boom del turismo sul Lario e nel capoluogo e la posizione della struttura, a pochi metri dal lago e all’interno del parco del gioiello neoclassico della città. Sta di fatto che è fallito anche il quarto tentativo di trovare un gestore dell’Ostello. È infatti andato ancora deserto il bando per gestire l’immobile e garantire il servizio.
Un fulmine a ciel sereno rispetto alle altre tre “chiamate”: questa volta infatti vi erano state diverse manifestazioni di interesse, con una serie di sopralluoghi (obbligatori per partecipare al bando) per verificare lo stato della struttura. Invece nessuna busta è arrivata alla scadenza di ieri a mezzogiorno. Deserto per la quarta volta.
Il canone annuo a base d’asta era già stato dimezzato rispetto alla prima richiesta, scendendo a 30mila euro, e la concessione dell’ostello era salita da 6 a 9 anni rinnovabili.
Inoltre, per il primo anno di concessione il bando prevedeva anche uno sconto del 50%. Ora il Comune di Como è costretto a decidere come procedere.
«Stiamo valutando un nuovo bando a offerta libera – spiega l’assessore al Patrimonio di Palazzo Cernezzi, Francesco Pettignano – lo porteremo in giunta la prossima settimana. La speranza è che per il prossimo anno l’Ostello possa riaprire», conclude laconico l’assessore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.