Novedratese, la Provincia: «Purtroppo non ci sono vie alternative». Il ponte dovrà essere demolito e ricostruito

Ponte Novedratese

Il ponte danneggiato sulla strada Novedratese dovrà essere demolito e ricostruito. L’amministrazione provinciale ha già avviato la progettazione e si rivarrà poi per tutte le spese sostenute sul responsabile del danneggiamento.
«Un mezzo fuori sagoma ha tranciato i cavi delle travi precompresse all’intradosso ossia nel punto più delicato dell’impalcato – ha detto ieri Bruno Tarantola, dirigente del settore Lavori pubblici dell’amministrazione provinciale di Como, intervenuto sul luogo dell’incidente – Il camion ha danneggiato quasi tutte le travi per cui il ponte non è più agibile». Ma cosa comporta tutto ciò? «Le operazioni da compiere sono notevoli – ha spiegato ieri Tarantola – c’è anzitutto da demolire l’impalcato, da ricostruire poi il ponte con le stesse caratteristiche costruttive, impermeabilizzare e asfaltare. Infine il collaudo statico e poi il ponte potrà essere riaperto».
Intanto, tre mesi di calvario. «Veri e propri percorsi alternativi purtroppo non ci sono – ha ammesso ieri Tarantola – in una strada che è la più trafficata della provincia, percorsa quotidianamente da tantissimi mezzi, specie commerciali. Ci rendiamo conto del disagio cui andrà incontro il territorio, ma non possiamo fare diversamente, la prima cosa è non far correre rischi agli utenti della strada».
E intanto 200 residenti a Carimate sono tagliati fuori: «Non hanno altra via d’uscita perché proprio ieri Rfi doveva iniziare i lavori per il sottopasso ferroviario – ha detto il sindaco di Carimate Roberto Allevi – abbiamo chiesto di riaprire il passaggio a livello alla stazione, ma non è facile. Nel frattempo faremo, in collaborazione con la Provincia, un bypass per entrare nella viabilità interna di un’area privata. Alla fine, quantomeno, la circolazione per i cittadini o per i mezzi di soccorso avrà un collegamento diretto».

Articoli correlati

2 Commenti

  • Avatar
    Colombo Fabio , 20 Marzo 2019 @ 21:05

    Ma se lo puntellano da sotto il ponte, in tanto che preparano tutto, é cosi complicato, invece di ostacolare tutti?
    Per 3 mesi, che poi essendo in Italia non sarà mai rispettata la data
    Come il ponte di via Oltrecolle a Como… 3 anni ormai che è chiuso. Code code code code, x non sistemarlo…. Bha povera Nazione!!

  • Avatar
    Pietro , 19 Marzo 2019 @ 7:13

    Tre mesi??? In un paese civile lo rifarebbero in una notte. Provincia Vegognosa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.