Novedratese, la Brianza è in ginocchio, l’appello dei sindaci. Ricostruire il ponte costa 300mila euro

Carimate, un camion che trasportava una ruspa transitando sotto il ponte di via dei Giovi che interseca con la SS 32, toccava sulla soletta del ponte stesso danneggiandola gravemente.

Abbattere e ricostruire il ponte di Carimate sulla Novedratese costerà 300mila euro. Una cifra nella quale sono inclusi l’Iva e i lavori necessari alla creazione del bypass per i residenti. Euro più, euro meno, è questo l’ordine di grandezza stimato dalla Provincia di Como, che si sta occupando dei lavori per la ricostruzione del ponte danneggiato lunedì mattina da un mezzo pesante. Lavori assegnati non tramite un bando, ma con la procedura di somma urgenza, come previsto in casi simili.
Oggi la strada sotto il ponte è stata temporaneamente riaperta per i duecento residenti che altrimenti rimarrebbero isolati, ma da oggi verrà chiusa poiché sarà allestito un bypass.
«Saranno mesi molto impegnativi. Il traffico di Cantù è già soffocante, la chiusura della Novedratese ci metterà in seria difficoltà». Alice Galbiati, vicesindaco di Cantù, è seriamente preoccupata. La viabilità nella Brianza comasca è messa a dura prova dalla chiusura del tratto finale della Novedratese, in direzione Lentate sul Seveso, a causa del ponte danneggiato lunedì da un camion con un carico troppo alto che ha tranciato parte delle travi del sovrappasso.
La provinciale è percorsa ogni giorno da migliaia di auto e camion: mette in connessione la superstrada 36 Milano-Lecco (dunque il traffico da e per Lecco e Bergamo) con la statale 35 Milano-Meda, per poi proseguire nella Bassa Comasca in direzione Varese.
L’articolo completo sul Corriere di Como in edicola mercoledì 20 marzo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.