Nuovi giardini a lago, entro dicembre la gara

Giardini a lago progetto

Si riduce lo specchio d’acqua e si riducono anche i camminamenti per “asciugare” il progetto. E, in assenza di ulteriori intoppi, lavori al via alla fine del prossimo anno.
Sono le principali novità relative alla riqualificazione dei giardini a lago di Como. Un progetto molto atteso.
Dopo i ritardi, le lungaggini e le problematiche emerse l’agognato progetto è stato adeguato in base alle indicazioni della Soprintendenza e in seguito alle criticità emerse lo scorso anno dalla conferenza dei servizi che aveva evidenziato una serie di problemi legati agli impianti nel sottosuolo.
La redazione del progetto definitivo ed esecutivo e la direzione lavori saranno affidati attraverso un bando di gara del valore complessivo di circa 250mila euro.
La gara verrà pubblicata entro la fine di quest’anno. Il valore complessivo dell’opera sarà di circa 2,5 milioni di euro interamente finanziati dal comune di Como.
Quindi, dopo una lunga attesa, ecco il nuovo cronoprogramma, scandito dall’assessore alla partita, nella speranza che sia quello definitivo.
Per Marco Galli, assessore a Parchi e giardini del Comune di Como, «si presume l’inizio del cantiere per la fine del prossimo anno, i lavori dovrebbero durate in tutto dai 6 agli 8 mesi, Quello del progetto dei giardini a lago del capoluogo è stato un percorso travagliato ma questo nuovo progetto è il primo tassello importante per ripartire» ha dichiarato ieri l’assessore di Palazzo Cernezzi.
Resta confermato il cannocchiale prospettico davanti al Tempio Voltiano così come la “battery”, una pensilina coperta che ospiterà, oltre ai nuovi bagni pubblici, anche un paio di attività commerciali.
Verrà abbattuta la fontana di roccia, resterà solo un richiamo dal lato che affaccia verso la locomotiva. Diverse le novità rispetto al primo progetto presentato
L’assessore a Parchi e giardini del Comune, Marco Galli, ieri nel commentare il progetto ha rimarcato la sensibile «riduzione dei camminamenti e degli specchi d’acqua, da 180 a 20 metri» e ha sottolineato che l’intervento prevede «la riqualificazione in toto della parte verde e dei sistemi illuminanti, insomma sarà un vero e proprio restyling».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.