Nuovo palazzetto di Muggiò, già disposta una bonifica

Palazzetto Muggiò

Nessuno si sbilancia sui tempi di realizzazione del nuovo Palasport di Muggiò, anche perché l’area della struttura sportiva non sembra essere baciata da una buona stella.

Ieri è emersa infatti la contaminazione rilevata dall’Arpa e la successiva bonifica di un settore proprio all’interno del parco dell’ex palasport. L’intervento dell’Arpa si è reso necessario per il Piano di Caratterizzazione presentato dal Settore Opere Pubbliche del Comune di Como per i terreni di via Sportivi Comaschi, 46, dove ci sono i ruderi del vecchio palasport e dovrà sorgere il nuovo.

Proprio l’area del palazzetto è infatti attraversata da una roggia, denominata Rio Muggiò, già sotto osservazione per episodi di potenziale contaminazione. Veleni che durante gli scavi per la nuova struttura potrebbero essere pericolosi. Il Comune di Como ha così incaricato dei sondaggi una società di Este (Padova). Dopo esami con georadar, carotaggi, campionamenti e analisi per rilevare arsenico, cadmio, cobalto, cromo, mercurio, nichel, piombo, rame, vanadio, zinco e idrocarburi pesanti, un campione di terreno proprio nei pressi della roggia è risultato con valori di arsenico oltre la norma. Tanto è bastato per fare scattare la bonifica del terreno come richiesto da Arpa. Sono stati rimossi circa 30 metri cubi di terra, con uno scavo profondo circa tre metri.

Nulla a che vedere insomma con i numeri dell’area della Ticosa. È stata «esclusa una diffusione della contaminazione su un’area più vasta e data la necessità di procedere con la fase di progettazione ed esecuzione del nuovo palazzetto si è ritenuto che la migliore tecnologia applicabile a costi sostenibili, compatibile anche con tempistiche di intervento accettabili, sia consistita nella completa rimozione dei terreni interessati, da avviare successivamente a idonei impianti di recupero e smaltimento», si legge nella relazione dell’avvenuta bonifica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.