Oggi la resa dei conti all’interno della maggioranza

Palazzo Cernezzi

Questione di feeling cantavano nel lontano 1985 Riccardo Cocciante e Mina.
E proprio oggi bisognerà capire se, all’interno della maggioranza, si potrà ricreare, in vista della prossima tornata elettorale, quel sentimento comune che ha portato all’elezione di Mario Landriscina nel 2017.


Questo pomeriggio infatti ci sarà la resa dei conti tra il primo cittadino e tutte le forze che lo hanno accompagnato negli ultimi anni ma che, in diversi casi – da Forza Italia a Fratelli d’Italia – lo hanno osteggiato, creando diversi inciampi nel cammino amministrativo. All’appuntamento odierno non si arriva dal nulla ma nelle ultime settimane le varie forze che compongono la squadra di governo si sono già incontrate in due occasioni.
Nel corso del primo vertice si sono registrate le tensioni maggiori. In quell’occasione, ormai un paio di settimane fa, il sindaco aveva chiesto di ricompattarsi per arrivare fino alla conclusione del mandato senza ulteriori attriti. Senza dover fare i conti con il fuoco amico di interventi contrari all’operato della giunta sui più svariati argomenti, da parte delle forze di maggioranza.
Basti pensare alle divergenze più recenti sul futuro del palazzetto e della piscina di Muggiò che a lungo hanno contrapposto le forze interne alla coalizione. Proprio in considerazione di quel primo incontro il sindaco aveva anche avanzato la proposta di sottoscrivere una sorta di patto di non belligeranza per la fine del mandato che non era stato accettato ma che aveva scatenato ulteriori polemiche. Tra le voci fuori dal coro, allora ci fu anche quella del consigliere di Fratelli d’Italia Mario Gorla che aveva ritenuto inammissibile una simile richiesta e che aveva subordinato la propria volontà di non essere in contrasto solo dopo la presentazione da parte del sindaco di una sorta di lista dei desideri di fine mandato condivisa, ovvero di un elenco di progetti da mandare avanti e da instradare verso la loro concreta realizzazione che potesse accomunare tutte le forze di maggioranza per farle così remare nella stessa direzione. E proprio nella riunione di oggi si dovrà discutere dei temi che ciascuna forza politica ritiene fondamentali per andare avanti insieme.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.