Oltre 21mila lavoratori in cassa integrazione a Como. Industria tessile sempre più sotto stress

Al vaglio fondi per cig e incentivi sanità

Una preoccupante situazione economica e sociale, con numerosi posti di lavoro a rischio. Lascia pochi spazi all’ottimismo anche verso il futuro il 5° Rapporto Uil del Lario sulla cassa integrazione nelle province di Como e Lecco nei primi cinque mesi dell’anno.

A Como, tra gennaio e maggio, sono stati 21.539 i lavoratori in cassa integrazione. Viene messo in evidenza, il confronto tra il mese di maggio 2020 e quello dell’anno scorso: a Como la cassa integrazione è aumentata del 761,2%.

Mentre un calo del 58% si registra se il maggio viene confrontato con il mese di aprile 2020, destinato a rimanere nei libri di storia per quanto riguarda la richiesta e la concessione di ammortizzatori sociali su tutto il territorio lariano.

«Dopo lo sblocco del lockdown delle attività produttive – si legge nella nota della Uil del Lario – sono diminuite le ore di cassa integrazione rispetto al mese precedente, ma resta pur sempre altissima la domanda. Ciò significa che la ripresa delle attività è parziale e denota il persistere della situazione drammatica». Anche il raffronto tra i primi cinque mesi del 2020 con lo stesso periodo dello scorso anno è significativo: in questo caso l’aumento delle richieste è del 615,5%. Tutti i settori hanno subito le conseguenze del lockdown, ma sono in particolare il tessile e il metalmeccanico quelli maggiormente sotto stress (rispettivamente +304% e +615% rispetto allo stesso periodo del 2019).

«È bene che si preveda un’estensione della durata degli ammortizzatori sociali oltre a quella già prevista di ottobre 2020 – commenta Salvatore Monteduro, segretario generale della Uil del Lario – come è necessario prevedere il prolungamento del divieto ai licenziamenti per giustificato motivo oggettivo da parte delle aziende. Tutto questo non è sufficiente a dare una risposta allo tsunami che ci ha colpito, – prosegue Monteduro – abbiamo bisogno di un piano di investimenti in infrastrutture materiali e immateriali, in servizi pubblici per rilanciare la domanda interna, bisogna saper cogliere le opportunità finanziarie ed economiche che saranno messe in campo dall’Unione europea».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.