Omicidio stradale: 8 anni a un infermiere in servizio a Gravedona

Giustizia, tribunale

Otto anni di condanna (nonostante lo sconto per il rito Abbreviato) per omicidio stradale aggravato. È la pena inflitta a un infermiere bosniaco di 39 anni che, finito il turno all’ospedale di Gravedona, nel rincasare aveva travolto e ucciso con la propria auto un 18enne di Buglio in Monte (Sondrio). La sentenza è stata letta ieri dal Tribunale di Sondrio. Lo schianto il 19 ottobre a Castione. Gli esami avevano permesso di appurare che il 39enne, che viaggiava a 122 km/h in un tratto con limite a 50 km/h, non solo aveva bevuto ma aveva anche assunto della cocaina. La famiglia della vittima verrà risarcita con una iniziale provvisionale quantificata in 460mila euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.