Orsenigo: «Serve una visione complessiva della città»

Il consigliere regionale del Pd, Angelo Orsenigo

Cambiare si può. A patto di avere una «visione complessiva» di ciò che si vuol fare.
Nel dibattito aperto in città dopo la presentazione in giunta del progetto di massima dello spostamento in Ticosa degli uffici pubblici, intervengono i consiglieri regionali di Pd e 5 Stelle.
Entrambi convinti che si tratti di un’idea su cui discutere, ma anche della necessità di guardare oltre la singola questione, scrutando un orizzonte di «sistema».

«Quando si fanno simili proposte – dice Angelo Orsenigo – serve una visione complessiva della città. Gli spazi urbani vanno ripensati in maniera organica, con un’ottica unitaria. È inutile quindi affannarsi a rispondere a singole problematiche o a esigenze immediate».
Insomma, fa capire il consigliere regionale Dem, non si può fare urbanistica «a pezzi. Da anni si discute del museo della seta, dell’archivio, della cittadella sanitaria. Questo dibattito può servire a coinvolgere le componenti sociali e politiche della città sul tema del futuro da imprimere a Como».

Raffaele Erba aggiunge un altro elemento, ovvero la «necessità di ragionare nello stesso istante su due questioni diverse ma del tutto complementari: mentre tentiamo di capire se sia giusto o utile portare gli uffici pubblici in Ticosa dobbiamo anche riflettere su come trasformare gli edifici del centro storico». Il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle dice di voler vedere «prima le proposte. Non siamo contrari a prescindere, la Ticosa è uno dei nodi storici di Como e la sua trasformazione in chiave pubblica è una possibilità che si può percorrere e può essere accolta».

Nessun no preventivo. Ma una domanda a cui va data risposta: che fare del vecchio e nuovo Palazzo Cernezzi? «È un tema cruciale – dice Erba – questi edifici fanno gola a molti, anche in considerazione della crescita turistica della città. Il primo nodo da sciogliere forse è proprio questo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.