Ospedale di Gravedona, scongiurato il taglio di Reumatologia

 

altSanità

È stato scongiurato il taglio di posti letti nel reparto di Reumatologia dell’ospedale Moriggia Pelascini di Gravedona.
La riduzione avrebbe dovuto portare la capienza del reparto da 18 a 6 posti letto con conseguenze pesanti non solo per l’utenza, ma anche per il personale. Un provvedimento che fin dall’annuncio aveva messo in allarme sindacati, residenti e autorità non solo dell’Altolago, visto che il bacino d’utenza dell’ospedale di Gravedona abbraccia l’AltoLario

occidentale e orientale, la Valtellina, la Valchiavenna, la Valsassina e il Lecchese. Ieri mattina i consiglieri regionali Dario Bianchi (Lega Nord) e Luca Gaffuri (Pd), che hanno effettuato una visita nella sede dell’Asl lombarda, insieme con il sindaco di Gravedona, Fiorenzo Bongiasca, il presidente della Comunità montana Mauro Robba, i dirigenti dell’Asl comasca – Roberto Bollina, Carlo Alberto Tersalvi e Vittorio Bosio – e alla proprietà dell’ospedale hanno ricevuto importanti rassicurazioni.
«Un successo importante non solo per il nostro territorio» ha commentato a caldo il consigliere Dario Bianchi.
«Siamo soddisfatti perché un taglio pesante come quello prefigurato sarebbe andato a danno dei pazienti e del personale dedicato – ha aggiunto Gaffuri – Proprio per evitare questa situazione che avrebbe avuto ripercussioni gravi sul Comasco e il Lecchese, anche come Pd avevamo presentato un’interrogazione all’assessore chiedendo di riesaminare la questione».

Nella foto:
L’ospedale Moriggia Pelascini di Gravedona

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.