Palazzo Cernezzi. Mario Landriscina chiarisce con Marco Galli e gli rinnova la fiducia

Palazzo Cernezzi

Doppia uscita dalla giunta evitata, almeno per il momento a Palazzo Cernezzi. Nei giorni scorsi, dopo l’annuncio da parte dell’assessore alla Cultura di Como, la piemontese Simona Rossotti, era arrivato anche lo sfogo del collega con delega ad Ambiente, Sport e Giardini, Marco Galli. «Resisto fino al Giro d’Italia poi vediamo (la tappa comasca si terrà il 26 maggio, ndr). Se le cose non cambiano, lascio», aveva detto Galli ai cronisti di Etv.
Una convinzione maturata a causa dell’evidente immobilismo della macchina comunale su alcune questioni che vedono coinvolti gli assessorati di Galli e in particolare la bonifica della Ticosa e la riqualificazione dei Giardini a lago.
Allo sfogo aveva fatto seguito la “lavata di testa” da parte del sindaco, Mario Landriscina. «Capisco la stanchezza, ma le parole hanno un peso – aveva detto il sindaco da queste colonne – Avrei preferito che ne parlasse prima con me. Comprendo quanto possa essere faticoso e logorante seguire da vicino tutte queste iniziative, ma quando siamo chiamati a svolgere un ruolo istituzionale le parole hanno un peso, bisogna ricordarlo».
Così ieri è arrivato il faccia a faccia Landriscina-Galli.
«L’incontro è stato occasione di confronto e di ampio approfondimento rispetto a diversi temi aperti sulla nostra città e sui rapporti interni alla giunta comunale – si legge nella nota di Palazzo Cernezzi – Chiarite tutte le incertezze, il rapporto fiduciario è stato pienamente confermato in un clima di intesa e stima reciproca estese a tutti i componenti della giunta, nell’ottica di una proficua collaborazione per l’amministrazione della città». Nessuna fuga dalla giunta Galli, quindi, dopo il Giro? Al momento l’ipotesi sembra essere stata scongiurata, ma lo stallo dei due grandi progetti che l’assessore vorrebbe chiudere al più presto, ovvero bonifica della Ticosa e riqualificazione dei Giardini a lago, è sempre più evidente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.