Palazzo Cernezzi, tutti gli avvicendamenti nell’esecutivo

Comune di Como, palazzo Cernezzi (cartelli, targhe, esterno, interno): esterno via Vittorio Emanuele, targa palazzo Cernezzi

Pierangelo Gervasoni e Livia Cioffi saranno rispettivamente il 13° e il 14° assessore della giunta di Mario Landriscina. Giunta che, in tre anni, ha cambiata più volte fisionomia, con uscite, nuovi ingressi e frettolosi rientri.

La prima tappa della breve ma tormentata storia dell’esecutivo in carica risale al 12 novembre 2018 quando Forza Italia decide di uscire dalla maggioranza. L’assessore Amelia Locatelli si dimette secondo le indicazioni del partito, non così invece Francesco Pettignano, che lascia qualche giorno dopo ma viene rinominato a distanza di ore, il 19 novembre 2018, in rappresentanza però di un altro partito, Fratelli d’Italia. Per trovare il sostituto di Amelia Locatelli il sindaco impiega due settimane e il 26 novembre 2018 nomina Angela Corengia.
Il 14 marzo 2019, al culmine di una serie di incomprensioni, si dimette da assessore alla Cultura e ai Grandi eventi Simona Rossotti, il cui nome era stato tra le sorprese maggiori all’atto della formazione iniziale della giunta. Piemontese, vicina a Forza Italia, Rossotti tornerà in seguito a fare il sindaco di Perlo, piccolissimo comune in provincia di Cuneo.
Undici giorni dopo le dimissioni di Rossotti, il 25 marzo 2019, Landriscina nomina Carola Gentilini.

Trascorrono pochi mesi, non facili, e l’11 luglio 2019 il vicesindaco Alessandra Locatelli annuncia la sua uscita dall’esecutivo in seguito alla nomina a ministro della Famiglia nel governo gialloverde. Al suo posto, il 17 luglio 2019, il sindaco chiama Alessandra Bonduri. Si arriva così al 26 giugno 2020, giorno in cui Vincenzo Bella esce di scena dopo uno scontro durissimo in consiglio con il collega Marco Galli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.