Pallacanestro Cantù e Como 1907, ore febbrili sul fronte societario

Stadio Sinigaglia Como

Giornate di fibrillazione sul fronte societario per le due principali società sportive del territorio, la Pallacanestro Cantù e il Como 1907.
Per quanto riguarda il basket, ancora nessuna novità rispetto alla nomina dell’organigramma del club. Alla fine la decisione dovrebbe essere presa sul filo di lana rispetto alla presentazione ufficiale del presidente (Davide Marson) e del consiglio di amministrazione, che è fissata per domani sera al Golf Club di Carimate.
Quindi ieri nulla di fatto e anche oggi potrebbero non arrivare notizie ufficiali. Nella sostanza le decisioni sono state prese, con la nomina di Marson a presidente – che esordirebbe così con questa carica in occasione del sentitissimo derby di Milano – e un consiglio composto da Antonio Biella (sponsor con il marchio Acqua S.Bernardo), Sergio Paparelli, Roberto Allievi, Angelo Passeri e Andrea Mauri (quest’ultimo nel ruolo di amministratore delegato).
La rifinitura, per così dire, riguarda la scelta di un settimo esponente, che dovrebbe rappresentare le ditte e i professionisti che entreranno nel costituendo consorzio che opererà in supporto al club brianzolo.
Novità attese anche sul fronte del Como 1907. Il presidente Massimo Nicastro e l’amministratore delegato Roberto Felleca, dopo aver chiarito e appianato una serie di questioni che erano aperte fra di loro, sono in attesa dell’offerta ufficiale da parte del gruppo americano-indonesiano che la scorsa settimana era con i suoi rappresentanti sul Lario per studiare i bilanci del club e chiarire ogni aspetto della vita societaria.
«Confermo quanto detto negli scorsi giorni – dice Felleca – La disponibilità a vendere c’è, a patto che l’offerta vada quantomeno a pareggiare i soldi che abbiamo speso in questi anni. Non intendiamo speculare, ma nemmeno perderci. In ogni caso attendo di vedere i contenuti del documento».
«In caso di accettazione potremmo firmare il passaggio di consegne già in questo fine settimana o nella prossima – aggiunge il dirigente azzurro – ma con un patto chiaro. Io e Ninni Corda rimarremo fino al termine di questa stagione: mi sono sempre preso ogni responsabilità e intendo farlo anche in caso di cessione del club. Quindi fino al termine del campionato non mi sposterò da Como».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.