Pallacanestro Cantù-Piero Bucchi: separazione ufficiale

Piero Bucchi

Anticipata e da giorni prevista, oggi è arrivata la notizia ufficiale della separazione fra Pallacanestro Cantù e coach Piero Bucchi, l’allenatore chiamato nel corso della stagione al posto di Cesare Pancotto per cercare di conquistare la salvezza. Missione però fallita.
«Acqua S.Bernardo Pallacanestro Cantù comunica che la società e Piero Bucchi hanno deciso consensualmente di non proseguire il rapporto di collaborazione – recita il comunicato – L’incertezza dello scenario attuale presenta per entrambi prospettive difficili da prevedere. Pertanto, di comune accordo e con profonda stima reciproca, il club e il coach bolognese hanno scelto di dividere le loro strade».

Ora si tratta di capire le mosse del club, che di fatto non sa ancora in che torneo giocherà. L’ultima stagione sul campo si è conclusa con la retrocessione, anche se non è da escludere l’ipotesi di ripescaggio in caso di rinuncia forzata di qualche altra società. In una fase “ibrida” si vorrebbe ingaggiare un allenatore che possa accettare di ripartire dalla A2, ma che allo stesso tempo abbia esperienza e determinazione per guidare i brianzoli eventualmente nella massima serie.
L’idea è di scegliere un nome che abbia già guidato il club canturino e che possa essere gradito ad una piazza che in questo momento – come testimoniano striscioni di contestazione dei tifosi della curva, gli Eagles, esposti in città – non è molto ben disposta.

Un nome ben accreditato è quello di Marco Sodini, mentre sono in calo le azioni di Nicola Brienza. Ma all’orizzonte, dopo la separazione con la Fortitudo Bologna, potrebbe spuntare Luca Dalmonte, sempre molto stimato a Cantù e in cerca di rivincite.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.