Papà e mamma canonici talvolta inadeguati

ADOZIONE 1/ OMOSESSUALI
Sarò breve. Senza giri di parole inutili. Sono eterosessuale – lo dico solo per evitare che qualcuno pensi che peroro una mia causa personale – ma sono assolutamente convinta che dietro le motivazioni addotte contro l’adozione da parte di coppie omosessuali ci siano solo i nostri pregiudizi, le nostre chiusure mentali e la nostra paura nei confronti di ciò che non rientra negli schemi, sempre nostri, mentali.
Sennò la stessa foga nello scagliarsi contro questa possibilità ci  sarebbe anche contro chi vuole adottare ed è single, e così non è, o almeno non così risoluta e totalizzante.
Un bambino non conosce le differenze. A un bambino basta essere amato. A un bambino poco importa se i genitori sono belli o brutti, ricchi o poveri, professionalmente arrivati o meno.
Il problema, semmai, è la società che lo farebbe sentire inadeguato se la sua famiglia non corrisponde a quella canonica e conformistica che abbiamo ben radicato in testa, complice anche la presenza a tutto campo, invasiva e paralizzante, del Vaticano qui in Italia.
E la società a cui mi riferisco è fatta di quelle persone che, bloccate da pregiudizi e stereotipi, non accetta a priori una famiglia che non sia composta da un papà e da una mamma canonici, magari violenti e inadeguati come genitori, ma canonici.
Ilaria Mascetti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.