Parcheggi in viale Varese, il Pd chiede un’assemblea pubblica

Il rendering dei nuovi parcheggi di viale Varese
Il rendering dei nuovi parcheggi di viale Varese
Il rendering dei nuovi parcheggi di viale Varese

Parcheggi in viale Varese, il Pd chiede un’assemblea immediata. Di fronte al numero elevato di firme raccolte, prima di tutto dai residenti e poi da alcune associazioni, il capogruppo Stefano Fanetti e la consigliera Patrizia Lissi hanno «invitato la Giunta a convocare al più presto e senza indugio un’assemblea tematica alla presenza di tutti i soggetti interessati, cittadini, associazioni, Cna, Confesercenti, Comune e privato, nella quale sarà resa pubblica la planimetria del parcheggio progettato per rendersi conto dell’effettivo impatto del parcheggio». I consiglieri Pd chiedono cioè che «tutti si possano rendere conto dell’effettivo impatto del parcheggio, degli alberi che verrebbero abbattuti e del verde che sarebbe eliminato, del posizionamento di una sbarra per entrare e uscire, spiegando se questo significa che sarà a pagamento giorno e notte». Secondo il Pd «sarebbe importante rendere noto anche il piano finanziario del progetto per poter valutare costi e benefici per il Comune. Troviamo assurdo che altre città stiano lavorando per allontanare le auto dal centro in un’ottica di miglioramento della vita delle persone e a Como si stia tornando indietro. La città è di tutti e quando si fanno scelte così importanti bisognerebbe sempre ragionare per il bene comune e con uno sguardo al futuro. Ci sono delle zone non a ridosso delle mura che potrebbero essere recuperate per esigenze di sosta in modo più razionale per la città, ad esempio la ex Stecav, di proprietà del Comune».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.