Passerella contro il degrado al Broletto di Como

Como, piazza del Duomo vista dal Broletto

Un’unica grande passerella, simile a quella in ferro e vetro costruita in occasione della realizzazione dell’infopoint, per coprire l’intera superficie del portico del Broletto di Como. Il duplice obiettivo dell’operazione è scritto nero su bianco nel nuovo studio di fattibilità da 250mila euro approvato dall’amministrazione comasca: il decoro e la fruibilità dello spazio cittadino da parte del pubblico.
«Negli ultimi 40 anni il portico del Broletto è divenuto luogo seminascosto in cui disagiati, malcostume e sporcizia hanno spesso trovato terreno fertile – si legge nel documento – allontanando ulteriormente cittadini e turisti dalla fruizione di questo spazio».
La giunta comunale punta dunque a riappropriarsi dell’area.
«La difficoltà di fruizione dello spazio – si legge ancora nello studio – è dovuta principalmente al sensibile dislivello esistente tra le quote odierne della città e la quota della pavimentazione del portico, che gli scavi realizzati nel 1973 hanno riportato a quella originaria, realizzando una spaccatura tra presente e passato, evidente nelle diverse quote».
Per questo motivo «dovrà essere realizzato un piano di attraversamento, così da garantire la continuità delle quote tra piazza Duomo, sottoportico del Broletto e area antistante l’ingresso laterale del Duomo, verso piazza Grimoldi, e di consentire la fruizione libera, senza barriere, dell’area del sottoportico».
«L’obiettivo – conclude la relazione tecnica – consente la fruibilità e lo sviluppo delle potenzialità aggregative di uno spazio pubblico coperto superando le criticità di uno spazio in disuso, allontanando situazioni di disagio, malcostume e degrado che oggi sono presenti nel portico».
L’area oggetto dell’intervento misura circa 350 metri quadrati e l’importo preventivato ammonta a 250mila euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.