“Patto per la nautica”, in arrivo nuovi pontili

alt

Marketing territoriale

Rendere il lago più fruibile, potenziando gli attracchi e migliorando la promozione e la capacità di attrazione delle sponde lariane. Como e Lecco hanno rilanciato ieri il “Patto per lo sviluppo della nautica”, siglato nel 2011 e ora rinnovato con l’ingresso di nuovi partner.
Una trentina gli enti coinvolti, a partire da Regione Lombardia e dalle Camere di Commercio di Como e Lecco.
«Il Patto è un esempio di lavoro in rete – ha sottolineato l’assessore regionale alle Attività

produttive, Mario Melazzini – Tutte le parti coinvolte si impegnano a essere presenti e attive. La nautica è un settore di eccellenza che ha ricadute sull’intera filiera del turismo».
Nel 2011, quando è stato siglato per la prima volta il Patto, la filiera nautica contava sul Lario un migliaio di addetti.
«Oggi la situazione è cambiata, la crisi non ha risparmiato il settore – ha detto Attilio Briccola, nella giunta della Camera di Commercio di Como e coordinatore della segreteria tecnica del Patto – Alcuni cantieri hanno chiuso e gli addetti sono diminuiti, anche se non è facile quantificarli. Siamo comunque decisi a proseguire il lavoro puntando al rilancio del settore».
L’Autorità di Bacino del Lario e dei Laghi minori ha aderito al Patto. «Dobbiamo permettere a tutti di usufruire delle bellezze del lago – ha sottolineato il presidente, Luigi Lusardi – Tra i primi interventi ci sarà la riqualificazione degli attracchi e l’allestimento di 4-5 nuovi pontili in zone che al momento sono scoperte».
Dopo la firma del Patto, l’assessore regionale ha rilanciato anche l’impegno per la realizzazione della zona a burocrazia zero. «Como e Lecco – ha sottolineato Melazzini – sono territori ideali per diventare palestra di interventi innovativi come la sperimentazione di zone a burocrazia zero e gli accordi di competitività. Si tratta di azioni che potremo attuare con l’approvazione della nuova legge su libertà d’impresa e competitività, prevista nel prossimo mese di febbraio, che contiene molti elementi di semplificazione per le imprese e le istituzioni. Vorremmo che i nostri imprenditori rimanessero sul nostro territorio. Con la nuova legge potremmo avere gli strumenti per invogliarli a restare e a non andare oltre confine».

A. Cam.

Nella foto:
L’assessore regionale alle Attività produttive, Mario Melazzini (al centro) con gli amministratori comaschi ieri nella riunione per il rilancio del “Patto per lo sviluppo della nautica” (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.