Pedopornografia: perquisizione in una casa di Cadorago

Analisi tracce informatiche delle connessioni effettuate

La polizia postale di Milano è giunta fino a Cadorago per perquisire la casa e acquisire i dati dei pc e delle apparecchiature elettroniche di un indagato nell’ambito di una maxi inchiesta contro la pedopornografia nata su impulso della Procura distrettuale di Catania.

Le accuse – sono venti le persone denunciate e ora indagate – parlano a vario titolo di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico, e istigazione a pratiche di pedofilia. Oltre a Cadorago, perquisizioni della polizia postale (impegnati anche gli agenti di Como) sono avvenute a Lecco, Bolzano, Brescia, Chieti, Milano, Napoli, Parma, Pisa, Roma, Savona, Sassari, Torino, Treviso, Varese e ovviamente Catania.

Gli indagati sono accusati di essersi scambiati tra loro foto e video di natura pedopornografica, catalogati in base a criteri legati all’età, al sesso e alle etnie delle piccole vittime. Contenuti che avrebbero riguardato anche dei neonati. Sono in corso accertamenti anche sui luoghi in sui sarebbero avvenuti gli abusi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.