Per il Politeama 111° compleanno senza un progetto

Teatro Politeama di Como (piazza Cacciatori delle Alpi) in stato di abbandono

È un’altra ferita nel cuore di Como, un grande luogo di cultura che la città ha avuto in dono nel 2005, ma non è ancora riuscita a rilanciare. Tra pochi giorni, il 14 settembre, sarà il 111° anno del Politeama.
Inaugurato il 14 settembre del 1910 in piazza Cacciatori delle Alpi, venne realizzato per volere della Società dei Palchettisti proprietari del Teatro Sociale su progetto all’architetto Federico Frigerio, lo stesso del Tempio Voltiano. Si tratta del primo edificio comasco con parti strutturali in calcestruzzo armato. Fin dal principio la sua fu una vocazione polivalente, fra teatro e cinema. Destinazione, quest’ultima, che ha mantenuto fino alla sua chiusura nel 2005, con la scomparsa del proprietario, Alfredo Gaffuri, che lo lasciò in eredità al Comune di Como.

La prossima settimana la riunione con i tecnici della Soprintendenza per fare il punto sugli interventi di cui la struttura necessiterebbe. L’obiettivo è disegnare un destino per lo storico ex cineteatro.
«Si tratta di una riunione necessaria per fissare i paletti di un futuro progetto di ristrutturazione – ha spiegato ieri a Espansione Tv Francesco Nessi, il liquidatore della società Politeama srl – Il confronto è importante prima di spingerci con ipotesi non realizzabili».
Successivamente all’incontro con i tecnici della Soprintendenza, seguirà la riunione del tavolo di co-progettazione. Il tavolo di esperti era stato già formato lo scorso mese di febbraio. Si tratta di un team di professionisti che lavorerà insieme per dare un futuro alla storica struttura di piazza Cacciatori delle Alpi. L’obiettivo: un anno di lavoro per mettere insieme idee e visioni e creare un progetto a sostegno dell’immobile.
Il Comune di Como è attualmente proprietario all’82% della struttura cittadina. Sarà quindi compito di Palazzo Cernezzi e della giunta scegliere poi il programma migliore da mettere in atto per far rinascere il Politeama di Como.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.