Percorso in salita se si è divisi

opinioni e commenti di lorenzo morandotti

di Lorenzo Morandotti

Che fatica essere soli. Unire le forze e fare massa critica, contare  in un consesso di vasi di ferro: impresa difficile per i vasi di coccio. Como, manzonianamente parlando, patisce questa condizione, specie – ed è uno sconfortante paradosso  – là dove avrebbe numeri,  energie e persone per eccellere.  Il contesto su cui invitiamo a ragionare è il tessile, che deve  confrontarsi con competitori globali, mantenendo però nel contempo le posizioni sul fronte della qualità (che ha anche un innegabile risvolto etico e sociale, dato che produrre a basso prezzo altrove comporta manodopera con diritti sindacali ridotti). Ma lo stesso  orizzonte di discorso si può fare sul piano della filiera del legno-arredo. Si è appena conclusa la design week meneghina e sempre più forte del successo conquistato, meritato e tesaurizzato Milano si conferma forte centro gravitazionale, che visto da qui, dalla provincia sia pure fortunata e baciata da bellezze lacustri e Vip del cinema, rischia di apparire come un buco nero che attrae energie e non restituisce che poco o nulla tranne forse la fatica di doversi misurare con la realtà dei fatti. Che nello specifico del mobile potrebbe, ma il condizionale è d’obbligo, creare interessanti sinergie sul fronte lariano: patria dell’eccellenza mobiliera (sia nello stile moderno che nelle vette della ricercatezza d’autore), ma anche del  Razionalismo architettonico, e questo va detto sulla base di un dato: il crinale che divide architettura e design è sempre più sottile e i due mondi risultano anche nel comune sentire sempre più complementari.  Abbiamo così una situazione interessante sulla carta, tanto per il tessile  che per il legno arredo, legata a una tradizione gloriosa del passato che innerva virtuosamente tanta attività economica del presente, in cui si incarna  nutrendo il territorio. Quello che non si riesce a mettere in moto è un volano virtuoso chiamato lavoro di squadra, come si accennava all’inizio: tante speranze, tanti operatori che spendono sudore e lacrime e impegnano l’anima nel lavoro, ma manca ancora per fare la differenza la capacità di fare cartello o come usava dire un tempo “lobby”, termine che però ha un sentore di  sottobosco e invece qui occorre giocare a carte scoperte e a fronte alta. Sul fronte del legno arredo “sposato” intelligentemente all’architettura qualcosa a Como (mostre, eventi, manifestazioni) pare si stia muovendo in modo tangibile  nei prossimi mesi, e i risultati della semina li vedremo in occasione del Salone del Mobile del 2020, sul fronte del tessile Milano rischia però di rimanere il  fulcro della galassia. Cabine di regia cercansi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.