Pericone, la realtà diventa linguaggio

Parole e immagini alla libreria Plinio il Vecchio di Como

«I tuoi fogli, precisa / vaghezza, dimorano / assorti in radure. / Non si cura di loro / la sabbia, solerte ricopre / le rive – non c’è acqua / che basti ai deserti». Da Moretti e Vitali di Bergamo esce La dimora insonne, nuova raccolta di Daniela Pericone, con un ampio saggio critico di Alessandro Quattrone, poeta e traduttore comasco. «Daniela Pericone continua a serbarsi fedele all’idea di una poesia baluginante, preziosa, a volte oscura e impervia, fatta di metafore ventose e severe, di immagini misteriose, di barocche accensioni» scrive Giancarlo Pontiggia presentando il libro.
E scrive a proposito della poesia dell’autrice calabrese Quattrone spiega: «Questa poesia potrebbe essere definita astratta. Ma si deve sgombrare il campo da possibili equivoci in proposito. L’astrazione qui non è mancanza di realtà, ma rielaborazione, o addirittura redenzione della realtà stessa». Dato che all’autrice interessa «trasformare la realtà in linguaggio, più che rappresentarla». Ecco quindi scrive Quattrone che siamo di fronte a una poesia «che prevede il rigoroso collocamento di ogni parola, di ogni suono, di ogni accento. Nei versi non c’è niente di casuale. Siamo di fronte a un linguaggio distante tanto dalla facilità colloquiale quanto dalla predominante koinè poetica contemporanea». Quanto basta per definire l’esperienza di Pericone una delle letture più feconde in poesia degli ultimi anni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.