Perizie sullo stadio Sinigaglia, primo confronto tra assessorati

stadio Giuseppe Sinigaglia

Una prima riunione per valutare le perizie relative allo stadio Sinigaglia, che sono state consegnate al Comune dall’Agenzia delle Entrate. Ieri il confronto tra gli assessorati per ora maggiormente interessati, Patrimonio e Sport, con i rispettivi amministratori, Francesco Pettignano e Marco Galli. «Ma per la sua importanza, quello dello stadio è un discorso che poi dovrà coinvolgere tutti gli uffici», sottolinea Pettignano.
L’intenzione, da quanto emerso, è di velocizzare i tempi. Nelle prossime ore è prevista la presentazione dell’esito delle perizie al primo cittadino di Como, Mario Landriscina, e l’argomento sarà affrontato – anche se non è all’ordine del giorno – nella giunta di giovedì, in cui si potrebbe già definire l’indirizzo da dare e i prossimi passi da fare.
«La prima parte dell’iter è terminata – spiega ancora Pettignano – con la quantificazione del valore dello stadio e delle strutture ad esso collegate. Ora va tracciata la strada che poi porterà alla concessione».
Le perizie richieste sono tre. Nel dettaglio, le valutazioni del Sinigaglia e degli immobili a esso collegati riguardano il solo stadio, lo stadio con la palazzina uffici e la piscina nella condizione di piena agibilità, l’intero complesso, eccetto la piscina e gli uffici del Coni e delle Federazioni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.