Pietre miliari sulla salita che porta al Ghisallo: l’idea è ricordare i miti del ciclismo

Magreglio Santuario del Ghisallo

Pietre miliari sulla strada che da Civenna sale al Colle del Ghisallo e la segnalazione dell’altitudine sull’asfalto ogni 100-200 metri, come già è stato fatto da anni sul Muro di Sormano. Una salita mitica per lo sport del pedale, quella che sale al colle con il Santuario e il Museo del Ciclismo, utilizzata in questo 2019 sia dal Giro d’Italia che dal recente “Lombardia”; in questo modo l’ascesa famosa in tutto il mondo potrebbe diventare ancora più appagante e completa per i tanti corridori – sia Professionisti che Amatori – che quotidianamente decidono di scalarla, sulle tracce dei grandi che su quel tratto si sono sfidati in occasione del Giro d’Italia e del “Lombardia”.
Ne hanno parlato in un incontro il presidente della Fondazione Museo Ghisallo Antonio Molteni e il primo cittadino di Bellagio, Angelo Barindelli.
L’idea è di riproporre quando già è stato fatto in Francia: verso l’Alpe d’Huez ogni tornante è stato dedicato a un campione e lo stesso potrebbe essere fatto sulla scalata al Ghisallo, ricordando i grandi che su quella strada hanno compiuto grandi imprese. Una proposta che potrebbe diventare concreta. Da quanto trapelato, il primo cittadino avrebbe dato il suo assenso e presto porterà l’argomento in giunta per valutare la fattibilità di un progetto che potrebbe accrescere ulteriormente l’appeal turistico della zona.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.