Piscina di Muggiò, oggi (forse) arriva il tubo. Mercoledì riprenderanno i lavori alla perdita

Piscina di Muggiò

Inizieranno la prossima settimana i lavori nella piscina olimpica di Muggiò, perché il “tubo”, il tanto atteso collettore, necessario per riparare il guasto nella vasca dell’impianto, presto dovrebbe arrivare a Como. Anche se, secondo l’assessorato allo Sport, il pezzo in questione era già approdato sul Lario martedì. In realtà, però, dovrebbe arrivare entro oggi. Questa volta le parole “presto” e “oggi” vengono garantite dai tecnici di Palazzo Cernezzi. L’attesa per l’agognato tubo sarebbe quindi una questione di poche ore.
«Dovrebbe arrivare entro la giornata di domani (oggi, ndr), e la ditta riprenderà gli interventi all’impianto di Muggiò dal prossimo mercoledì», fanno sapere dagli uffici del Comune di Como.
Il condizionale comunque resta d’obbligo soprattutto quando si parla della struttura di Muggiò, unica piscina olimpionica della città, chiusa dallo scorso mese di luglio. La firma del contratto per il rinnovo della convenzione con la Federazione Nuoto ancora non è stata apposta, a causa dei lavori fermi ormai da tempo.
Intanto, i collaboratori della struttura si sono ridotti progressivamente, passando da 31 a zero, l’ultimo manutentore è stato lasciato a casa lunedì.
Si lamentano le società sportive del territorio che da tempo chiedono chiarimenti su una situazione che sembra aggravarsi giorno dopo giorno.
Su Facebook, ieri lo sfogo di Stefano “Tete” Pozzi, tecnico delle “Rane rosa” di serie A2 della Como Nuoto: «Settembre-febbraio sono 180 giorni circa di chiusura – scrive Pozzi – ogni 15 giorni mi hanno comunicato che si era vicini alla riapertura, mi è stato detto circa 12 volte. Quindi, grazie lo stesso, ci vediamo tra 15 giorni».
La speranza ora è che il collettore, ordinato da oltre dieci giorni, arrivi oggi e che i lavori possano finalmente partire almeno per riuscire a riaprire parzialmente la piscina, ossia la vasca e la zona degli spogliatoi. Una volta terminati gli interventi, Comune e Federazione Nuoto dovranno incontrarsi per firmare la convenzione.
Per la riapertura dell’intero impianto al pubblico occorrerà attendere il via libera della commissione di vigilanza coordinata dalla Prefettura. Nel frattempo si è anche inserita la notizia del progetto di Nessi & Majocchi e di Iccrea Banca Impresa per un nuovo impianto su cui la giunta dovrà dare un giudizio in meno di tre mesi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.