Pistola elettrica anche agli agenti di polizia penitenziaria

Il carcere del Bassone

«È necessario dotare anche la Polizia Penitenziaria di ulteriori strumenti di difesa e di un’adeguata formazione alla difesa personale. Dopo l’esordio positivo della sperimentazione del Taser messo in dotazione alla Polizia di Stato, è legittimo prevederne l’utilizzo sperimentale, in casi di necessità, anche per la Polizia Penitenziaria» lo hanno dichiarato, dopo la visita al carcere del Bassone, i sottosegretari leghisti del governo Conte, il canturino Nicola Molteni, all’Interno e il romagnolo Jacopo Morrone, alla Giustizia.

«Si tratta di un mezzo che può avere effetto preventivo ed è efficace anche per ridurre i rischi per l’incolumità degli agenti nell’affrontare aggressioni, impedendo la colluttazione fisica – aggiungono in una nota Molteni e Morrone – Il carcere comasco, è ben inserito nella comunità e ben organizzato, ma 435 detenuti è un numero eccedente rispetto ai posti regolamentari».

«Il problema comune ad altri istituti, è che oltre la metà dei detenuti è di origine straniera, con le conseguenti difficoltà. Si dovrà aprire una riflessione a livello governativo». Molteni e Morrone si impegnano infine a «trovare una soluzione per l’impiego dell’aula bunker, inutilizzata da anni, per attività connesse a quelle carcerarie».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.