Pochi euro in cambio di atti sessuali: 34enne di Cantù arrestato per prostituzione minorile

Un posto di controllo della polizia locale di Cantù

È una storia triste, quella che stiamo per scrivere, da qualsiasi parte la si guardi. Un 34enne di Cantù, sposato e padre di famiglia, è stato arrestato dalla polizia locale del comune brianzolo con l’accusa di prostituzione minorile, reato punito dall’articolo 600 bis del codice che colpisce chi «recluta o induce alla prostituzione una persona di età inferiore agli anni diciotto».
Accusa che in realtà, in origine, era di violenza sessuale ma è stata poi riformulata dal giudice delle indagini preliminari di Como, al termine di un interrogatorio che si è tenuto in carcere e in cui l’indagato si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere. Ma, e questo è il motivo del cambio di imputazione, determinante sarebbe stato il fatto che la giovane vittima dell’abuso – una 15enne – sarebbe stata consenziente e avrebbe compiuto atti sessuali in cambio di pochi euro.
La vicenda è avvenuta la scorsa settimana. L’uomo e la ragazzina si erano conosciuti in un bar di Cantù. Poi erano rimasti in contatto sui social fin quando si sarebbero dati appuntamento in un parco per consumare un rapporto sessuale. La ragazzina avrebbe comunicato l’incontro ad alcuni coetanei, tra i 13 e i 15 anni, chiedendo a cinque di loro di appostarsi tra i cespugli del parco per intervenire in caso di bisogno. In realtà, una volta salita in auto con il 34enne, quest’ultimo avrebbe messo in moto la vettura allontanandosi dal parco e gettando nel panico gli amici che avrebbero chiesto aiuto a una pattuglia della polizia locale. Quando l’auto è stata intercettata, il fatto era compiuto. Non un rapporto sessuale completo, bensì un palpeggiamento con la richiesta – da parte della ragazzina – del pagamento di pochi euro, pare non più di una decina. La segnalazione è stata girata in Procura. L’uomo è stato arrestato ma – essendo la ragazzina consenziente – l’accusa sarebbe stata riformulata in prostituzione minorile e non in violenza sessuale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.