Politeama impacchettato: ecco come si presenta ora lo storico cinemateatro di Como

Il Politeama oggi

Un Politeama impacchettato. Così si presenta ora ai passanti lo storico ex cinemateatro di Como, chiuso dal 2005 e sempre più deteriorato. A metà dicembre scorso sono iniziati i lavori di montaggio delle impalcature, utili a evitare ulteriori danni e cedimenti a una struttura già fortemente ammalorata dalle intemperie e dall’incuria.
Intanto, è iniziato il conto alla rovescia per la raccolta di adesioni al tavolo di co-progettazione messo in campo dalla “Società del Politeama srl”, nata per salvare lo storico edificio (comunale per l’82%). Lo scorso novembre è stato infatti lanciato un avviso volto a raccogliere ed elaborare proposte di recupero e gestione dello storico cineteatro.
La prima scadenza era stata fissata al 19 dicembre scorso, un termine poi prorogato al 10 gennaio 2021 per dare ulteriore tempo agli interessati di farsi avanti. Mancano solo 4 giorni dunque alla chiusura della raccolta di adesioni.
Nel frattempo, l’impalcatura del Politeama è stata ultimata. I ponteggi erano stati resi disponibili per eventuali affissioni pubblicitarie, utili a raccogliere i 100mila euro necessari a mettere in sicurezza il tetto. Purtroppo ancora nessuno si è fatto avanti.
«Per le affissioni nessuna buona nuova – spiega il liquidatore Francesco Nessi – il perdurare della situazione di emergenza Covid non ci aiuta».
«Abbiamo invece ricevuto numerose e qualificate candidature per il tavolo di coprogettazione» – puntualizza Nessi. Tavolo di co-progettazione che si è dato un anno di tempo per proporre alla città un progetto di salvataggio del Politeama. Una strategia alternativa alla vendita dell’immobile per individuare un soggetto pubblico-privato che possa prendere in carico il recupero funzionale e la gestione del Politeama.
Le campagne per Astra e Gloria
Due le campagne attive per scongiurare la chiusura delle due sale cittadine rimaste. “SalviAmo il Cinema Astra” è in cerca di fondi per i lavori di adeguamento strutturale della sala di viale Giulio Cesare. Dal 7 gennaio tutti i martedì, giovedì, sabato e domenica (dalle 15 alle 18.30) è possibile recarsi all’Astra per aggiudicarsi le locandine storiche e altre ricompense previste dalla campagna. Fino ad ora sono stati raccolti oltre 35mila euro. Il traguardo per la riapertura è di 75mila euro. Per informazioni: info@astracinema.it.
Anche lo Spazio Gloria continua la sua campagna “Manchi tu nell’aria” per salvare il cinema dalla chiusura. Il 9 gennaio, in streaming, è in programma l’evento “Dai diamanti non nasce niente”, tributo a Fabrizio De André in diretta Facebook durante il quale sarà possibile fare donazioni. Info: www.spaziogloria.com.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.