Ponti e rete viaria della provincia. Sei quesiti per capire come stanno in un’interrogazione del consigliere Lucca

Villa Saporiti, sede della Provincia di Como

Un’interrogazione per conoscere lo stato di conservazione delle infrastrutture esistenti sull’intera rete viaria provinciale. A presentarla è il consigliere di Villa Saporiti, Dario Lucca (Uniti per la Provincia – Como civica). La tragedia di Genova ha inevitabilmente alzato il livello di attenzione sul territorio. E l’iniziativa del consigliere Lucca è un primo atto concreto. «La sequenza di crolli di infrastrutture stradali italiane sta assumendo da alcuni anni un carattere di preoccupante regolarità – scrive Lucca – La relazione dell’Istituto di Tecnologia delle Costruzioni del Cnr ha poi detto che l’elemento in comune di questa serie di crolli è rappresentato dall’età (media) delle opere e delle infrastrutture viarie italiane che ha superato i 50 anni di età. In pratica decine di migliaia di ponti e viadotti in Italia hanno superato, oggi, la durata di vita per la quale sono stati progettati». Premesse che spingono a formulare sei quesiti. Tra questi: conoscere il numero di infrastrutture (ponti, viadotti, gallerie) di competenza della Provincia e il loro stato di conservazione. A quando risalgono gli ultimi controlli tecnici e di monitoraggio delle infrastrutture e se dai dati raccolti è stata elaborata una “mappatura”. Infine anche la volontà di sapere a quanto ammonta il capitolo del bilancio d’esercizio 2018 e del pluriennale 2018-2019 e 2020 destinato alle progettazioni. «A seconda delle risposte ottenute, verrà proposta – scrive Lucca – l’istituzione di una Commissione tecnica consiliare per lo studio più approfondito dell’intera materia aperta a tecnici professionisti ed esperti».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.