Posti auto, aree dismesse e negozi, le novità. Dall’area ex Chibro al parcheggio del Gallio

La città di Como vista dall'alto

Aree dismesse da riqualificare, nuovi parcheggi e negozi in procinto di nascere. Tutti argomenti importanti nel ridisegno urbanistico di una città, soprattutto con un occhio rivolto al futuro. E di tutto questo si parlerà martedì prossimo nella seduta in programma della commissione consiliare II che si occupa appunto di assetto del territorio e lavori pubblici. All’ordine del giorno tre temi decisivi. Innanzitutto la rinascita dell’area ex Chibro a Monteolimpino dove dovrebbero essere realizzati una cinquantina di appartamenti di edilizia convenzionata. Sul piano esiste già un parere preliminare positivo e tutto ciò passerà al vaglio della Commissione.
Altro tema molto delicato che verrà affrontato riguarda i parcheggi. In un periodo in cui i problemi di viabilità maggiori sono sempre più strettamente connessi alla carenza di posti auto, verrà fatto il punto della situazione sul progetto di realizzare un parcheggio al Collegio Gallio. Si tratta della proposta, protocollata circa un mese fa a Palazzo Cernezzi da una società intenzionata ad avere un parere preliminare sulla realizzazione di un autosilo da oltre 300 posti da realizzarsi nel cortile del Collegio Gallio. Argomento delicato che come sempre quando si parla di parcheggi in città, mantiene sullo sfondo quello che potrà essere il futuro dell’area dell’ex Ticosa dove, prossimamente, si potrebbe tornare a parcheggiare l’auto.
Infine sempre al centro dell Commissione II di martedì prossimo anche l’insediamento di una media struttura di vendita che sorgerà in via Napoleona al posto del grande spazio con le vetrate affacciate sulla strada, in corrispondenza del curvone dove in passato era presente una concessionaria d’auto e poi, per un breve periodo, anche una discoteca.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.