Prescritta presunta truffa da 100mila euro: tempi “lumaca” della giustizia

palazzo di giustizia como

Sei anni dalla denuncia al processo e una presunta truffa da oltre 100mila euro prescritta senza una vera risposta per le vittime e per lo stesso presunto responsabile. L’avvio del caso risale al 2012, quando due imprenditori di Olgiate Comasco, padre e figlio, alle prese con un debito con l’Erario, sarebbero caduti nella truffa di un uomo residente in provincia di Pavia che, millantando amicizie nella guardia di finanza, si è fatto consegnare dai due un totale di 106mila euro, promettendo loro che avrebbe risolto i loro problemi economici. Una promessa che non sarebbe mai stata mantenuta, tanto che nel 2013 padre e figlio hanno denunciato il raggiro alle forze dell’ordine. «La querela è stata fatta nel 2013, ma la notifica con citazione diretta per il processo è arrivata solo nel mese di giugno del 2018, quando ormai il reato era prossimo alla prescrizione – denuncia l’avvocato comasco Davide Arcellaschi, difensore dell’uomo accusato della truffa – È evidente che qualcosa non ha funzionato. È assurdo che una persona resti indagata a tempo indeterminato e che lo stesso avvenga per le presunte vittime, che per anni non hanno alcuna risposta». «Il problema della prescrizione è all’ordine del giorno, con le polemiche sulla riforma prossima a entrare in vigore – dice l’avvocato comasco – Questa è la dimostrazione che i processi si prescrivono perché rimangono dormienti nella fase delle indagini e non certo per colpa dei legali o altro. Qualcosa non ha funzionato in questo caso come in moltissimi altri. In questo modo nessuna delle parti ha la risposta che dovrebbe avere in tempi congrui».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.