Presi in centro città due ladri di biciclette

alt

In piazza Cacciatori delle Alpi

(m.pv.) Parlando di microcriminalità, si tratta senza dubbio di uno dei reati più odiati dalla cittadinanza. Stiamo parlando del furto di biciclette, pratica sempre molto in voga soprattutto in centro città. Tanto che non mancano esempi di persone che hanno subito anche più di un furto, fino addirittura a una decina. Per questo l’arresto di due marocchini dediti – secondo la tesi dell’accusa – proprio a questo tipo di reato non può passare in secondo piano. La coppia ieri mattina è comparsa

in Tribunale per essere processata per direttissima e torneranno in aula il prossimo 13 gennaio. L’arresto di entrambi è stato convalidato: il primo attenderà l’udienza in carcere, il secondo con l’obbligo quotidiano di firma. Il fatto è andato in scena nel cortile interno di un palazzo di piazza Cacciatori delle Alpi. Un agente della Questura libero dal servizio ha notato i due stranieri armeggiare attorno al lucchetto di una bicicletta parcheggiata nello spazio di una proprietà privata. Si è quindi insospettito e ha controllato quanto stava avvenendo, non prima tuttavia di aver allertato una pattuglia delle volanti. I marocchini, dopo aver tagliato la catena della bici con un tronchese hanno però intuito di essere osservati e si sono allontanati, venendo tuttavia fermati dagli agenti sopraggiunti nel frattempo. Il controllo dei poliziotti ha poi permesso di appurare come i due, addosso, avessero proprio il tronchese poco prima utilizzato per spezzare il lucchetto. Inevitabili sono scattati l’arresto e la segnalazione alla Procura di Como per tentato furto, in quanto la bicicletta non era ancora stata portata all’esterno del cortile del palazzo di piazza Cacciatori delle Alpi.
L’epilogo si è avuto, come detto, ieri mattina in Tribunale a Como con la convalida dell’arresto da parte del giudice. Il processo è stato poi rinviato a lunedì prossimo.

Nella foto:
I furti di biciclette sono sempre all’ordine del giorno a Como. Numerose, negli anni e nei mesi scorsi, le denunce di cittadini che non hanno più trovato la loro bici dove l’avevano lasciata (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.