Pressing sulla giunta regionale per le termovalvole

Il caso – Entro il 1° agosto dovranno essere installati i contabilizzatori di calore nei condomini. Dario Bianchi (Lega): «Basterebbe un rinvio di un anno per calmierare il mercato»
L’assessore Raimondi porterà all’esame dell’esecutivo di Palazzo Lombardia la questione del rinvio delle scadenze
Sarà la giunta di Palazzo Lombardia a decidere, nei prossimi giorni, se concedere una proroga estesa all’intera regione sul fronte dell’applicazione dei contabilizzatori di calore ai caloriferi di tutti i condomini con caldaie di potenza superiore a 350 kilowatt. Una stangata da oltre 900 euro che si abbatterà su molte famiglie comasche entro il 1° agosto, se la scadenza non verrà rinviata di un anno come chiesto dall’Unione delle Province Lombarde e come ribadito dall’ordine del giorno
approvato, a metà della scorsa settimana, dallo stesso consiglio regionale.
Le scadenze previste dalla legge regionale n° 3 del 2011 sono tre: 1° agosto 2012 per gli impianti con potenza superiore a 350 kW e installazione precedente al 1° agosto 1997; 1° agosto 2013 per quelli con potenza uguale o superiore a 116,4 kW e installazione precedente al 1° agosto 1998; 1° agosto 2014 per i restanti impianti.
Ieri mattina a Milano, durante gli stati generali sulla qualità dell’aria, si è discusso anche di termovalvole e contabilizzatori di calore. A proposito di un possibile slittamento dei termini, l’assessore regionale all’Ambiente, Marcello Raimondi, ha ricordato che «è una facoltà attribuita dalla legge regionale agli enti locali».
Raimondi ha poi sottolineato che «è importante che i cittadini capiscano che non è un costo a perdere» poiché «le stime parlano di risparmi superiori al 30% sulle bollette». Secondo l’assessore regionale, inoltre, «c’è chi fa del terrorismo sui prezzi di installazione di questi dispositivi, tentando di vanificare la bontà di un provvedimento importante sia per le tasche dei cittadini che per l’aria che respiriamo, perché riduce i consumi e, di conseguenza, le emissioni nocive».
Non si tratta di terrorismo ribatte però Dario Bianchi, consigliere regionale della Lega Nord, in prima linea sul fronte della richiesta di uno slittamento dei termini. Oggi l’esponente del Carroccio incontrerà l’assessore Raimondi.
«Tornerò alla carica e gli chiederò di portare in giunta un provvedimento che conceda più tempo, evitando che gli installatori se ne approfittino elevando i prezzi vista la scadenza ravvicinata – spiega Bianchi – Capisco le esigenze di tutela dell’ambiente, ma basterebbe un rinvio di un anno per calmierare il mercato e concedere più tempo alle famiglie, già provate dalla crisi. Siamo poi convinti che siano necessarie indicazioni omogenee per tutte le province della Lombardia».
Del medesimo parere è Franco Binaghi, dirigente del settore ambiente della Provincia di Como, anch’egli impegnato sul tema della termoregolazione. «Ieri l’assessore Raimondi ha assicurato che porterà la questione in giunta, senza però specificare in che termini – afferma l’esponente di Villa Saporiti – Noi chiediamo che in Lombardia vi sia maggiore omogeneità di comportamenti, piuttosto che avere deroghe concesse in ordine sparso».

Marcello Dubini

Nella foto:
Entro inizio agosto le termovalvole (nella foto) e i contabilizzatori di calore dovranno essere presenti sui caloriferi di tutti i condomini con caldaie di potenza superiore a 350 kilowatt

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.