Presunte fatture inesistenti: a giudizio commercialista comasco

Palazzo di giustizia

Il giudice dell’udienza preliminare di Como Laura De Gregorio, ha rinviato a giudizio – con data fissata in ottobre – un commercialista di 54 anni, residente in Canton Ticino ma attivo con il proprio studio in centro città. Secondo il pubblico ministero Massimo Astori, avrebbe utilizzato fatture inesistenti – emesse da una società cooperativa in liquidazione – per risparmiare decine di migliaia di euro di tasse. Prestazioni che erano state segnate come «servizi di assistenza per gestione amministrativa» ma che per la guardia di finanza erano generiche e senza alcun riscontro in merito al tracciamento dei pagamenti. L’inchiesta era stata aperta dopo una segnalazione giunta dall’Agenzia delle entrate di Como. Il risparmio fiscale di sarebbe aggirato attorno ai 40mila euro. Il professionista non ha voluto scegliere riti alternativi, scegliendo di difendersi in aula in un pubblico dibattimento.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.