Presunte tangenti all’Agenzia delle Entrate: Antonio Pennestrì chiede di parlare

Agenzia delle Entrate

Anche Antonio Pennestrì avrebbe chiesto di poter essere interrogato dal pubblico ministero che lo sta indagando sulla vicende delle presunte mazzette date all’ex direttore dell’Agenzia delle Entrate di Como e al suo funzionario in cambio di favori nella definizione di contese tributarie. Lo avrebbe fatto tramite il suo avvocato, con una data che dovrebbe essere stata fissata in mercoledì della prossima settimana.

Pare fin da subito evidente quanto quel giorno possa essere importante negli sviluppi presenti e futuri dell’inchiesta condotta dal pm Pasquale Addesso. Il noto commercialista comasco seguirebbe dunque, a pochi giorni di distanza, la strada già intrapresa dal figlio Stefano, anche lui arrestato nell’ambito della stessa indagine, sentito per nove ore di fila in procura (interrogatorio che è stato secretato).

Ulteriori dettagli sul Corriere di Como in edicola venerdì 5 luglio

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.